Taranta

Uma mulher italiana dança na praça, em Salento, combatendo a peste. Dança pizzica da tradição mágica Taranta. Achei tão lindo quanto aquela imagem do papa em Roma — Da Eugênia pelo whatsapp. Eu troquei a palavra do texto que me foi enviado « bruxa » por « mulher » a pedido de uma pessoa da Itália. A pessoa acha que a bruxaria nasceu no Brasil, ledo engano, estude as stregas — Cristins da Costa via Ana-Isabel Mazon, Facebook 4 mai 2020.

Venerdì 17 Aprile 2020, mi trovavo per le strade di Lecce a girare un documentario per la regione Puglia e il FAI, regolarmente autorizzato dalla Questura di Lecce. Intorno alle 19:00 da Piazza Sant'Oronzo proveniva una splendida melodia Salentina che rompeva improvvisamente un silenzio a dir poco surreale. Recandomi in piazza ho potuto assistere ad una scena fantastica, una ballerina vestita di nero ballava la pizzica proprio sul mosaico della famosa "Lupa di Lecce", simbolo della nostra città. E' forse questo il simbolo della Pizzica, esorcizzare con il ballo questo periodo così triste, danzare freneticamente al tramonto nella centralissima piazza di Sant' Oronzo, credendo che domani sarà tutto finito e che torneremo a riabbracciarci tutti, con il calore che contraddistingue il popolo Salentino.
Ho approfittato per documentare questo evento tanto inaspettato quanto affascinante!
Ringrazio pubblicamente Il Canzoniere Grecanico Salentino per il brano, e la casa discografica Ponderosa Music Records per la concessione dell'utilizzo dello stesso – Roberto Leone, Youtube, 20 avril 2020.

Io tegnu nu tormentu intra lu piettu
Io tegnu nu tormentu intra lu piettu
Ca me consuma e nu
Ca me consuma e nu
Ca me consuma e nu se ferma mai
Me tremula la terra sutta li peti
Me tremula la terra sutta li peti
Nu c'e' mai fine pe
Nu c'e' mai fine pe
Nu c'e' mai fine pe lu miu cadire
Quiddhu ca mangiu nu tene sapore
Quiddhu ca mangiu nu tene sapore
Pe mie nu c'é chiui luce
Pe mie nu c'é chiui luce
Pe mie nu c'é chiui luce ne culore
La gente sapia comu t'i curare
La gente sapia comu t'i curare
Ci lu tou male se
Ci lu tou male se
Ci lu tou male se chiama' taranta
E osce ca li tempi hannu cangiati
E osce ca li tempi hannu cangiati
Ci è ca po sentire
Ci è ca po sentire
Ci è ca po sentire lu miu dulore
E ci me porta l'acqua pe sanare
E ci me porta l'acqua pe sanare
A ci chiedu la grazia
A ci chiedu la grazia
A ci chiedu la grazia pe guarire
Nu sacciu ci è taranta ca me tene
Nu sacciu ci è taranta ca me tene
Ma nu me lassa e me
Ma nu me lassa e me
Ma nu me lassa e me face mpaccire
Ci è taranta nu me abbandunare
Ci è taranta nu me abbandunare
Ci balli sulu nu
Ci balli sulu nu
Ci balli sulu nu te puei curare
Ci è taranta lassala ballare
Ci è taranta lassala ballare
Ci è malencunia
Ci è malencunia
Ci è malencunia cacciala fore

— If you dance alone you cannot heal (CGS)

Il tarantismo è senza dubbio il fenomeno culturale salentino più studiato. Volendolo sintetizzare al massimo, possiamo affermare che perché ci sia il tarantismo, quello canonizzato dall’equipe di De Martino, e la conseguente pizzica tarantata “liturgica”, devono verificarsi le seguenti condizioni: c’è prima una credenza, bisogna credere nel morso della taranta, che fa male e porta ad avere una malattia che poi deve essere curata attraverso il ballo. Un fenomeno di stato alterato o modificato della coscienza, che deriva sempre da una credenza, organizzato e regolato in modo socialmente accettato dentro un rito in cui c’è la musica.Ma qui la musica ha una funzione regolatrice di un disturbo e di una difficoltà.
Ridurre perciò il fenomeno del tarantismo ad un semplice rapporto con l’aspetto naturalistico della musica è veramente limitativo, perché prima di tutto appiattisce la spiritualità, la storia e la cultura di questo fenomeno al fatto che al suono del tamburello la tarantata reagisce e si vitalizza. Se pensiamo davvero che la sola musica induca un fenomeno di trance sbagliamo moltissimo; la musica fa un’altra cosa: regola la trance, le dà un ordine. Questo tarantismo come fenomeno in sé è concluso, perché è conclusa la credenza nel fatto che la taranta pizzichi e provochi una malattia, anche perché gli elementi specifici di un’area – per quanto isolata – non sono immutabili; sono già mutati nel corso dei secoli, mutano sotto i nostri occhi e muteranno ancora nella loro specificità, prima più lentamente, oggi più velocemente, e niente può arrestare il loro mutamento: illudersi che non cambino è solo un sogno conservatore di chi vuole ridurre una comunità in musei, in una visione estetizzante della “civiltà contadina”, ormai abbondantemente superata e rifiutata nella vita quotidiana. Bisogna individuare le radici uniche ancora vitali delle vecchie culture, cogliere i tratti essenziali che ne sopravvivono e tenere conto di come si sono trasformate e come potrebbero trasformarsi nell’incontro-sintesi con altre espressioni culturali: solo così queste culture si rivitalizzano e si orientano in funzione di componenti attive dello sviluppo — Cenni sul tarantismo, CGS.

Le Canzoniere Grecanico Salentino est un groupe de musique traditionnelle des Pouilles consacré à la danse de la Pizzica, la tarentelle du Salente.
Site Internet : https://www.canzonieregrecanicosalentino.net/